Prezzo: €60.00

Out of stock
Loading Updating cart
Scheda Prodotto

3 confezioni di Tisane al prezzo di 2 con le spedizioni gratis!

3 confezioni da gr. 100 cadauna per un totale di gr. 300. Per 3 mesi di trattamento.
100% NATURALE - LAVORAZIONE ARTIGIANALE.

Catuaba, Corteccia.
La catuaba (Erythroxylum catuaba) è un piccolo albero tra i due e i quattro metri d'altezza che produce fiori gialli ed arancioni. Il piccolo frutto ovale di colore arancione scuro é tossico e quindi non é edibile. Cresce nel nord-nord est del Brasile nella foresta tropicale dell'Amazzonia. La catuaba appartiene alla famiglia delle Erythroxylaceae, il suo genere, Erythroxylum, contiene alcune specie che sono fonti della cocaina. La catuaba tuttavia, non contiene nessuno degli alcaloidi attivi della cocaina ma contiene invece degli alcaloidi che aumentano la funzione sessuale stimolando il sistema nervoso centrale. Talvolta con il nome di catuaba si intendono altre specie, Trichilia catigua, Anemopaegma mirandum o Juniperus brasiliensis, che hanno le stesse proprietà medicinali dell'Erythroxylum catuaba. La pianta, presa in infusione o decotto, è utilizzata contro l'impotenza o la debolezza sessuale, l'agitazione, il nervosismo, la debolezza di nervi, i problemi di memoria, l'insonnia e la fatica. Per un effetto più forte, si puo' mescolare la catuaba con un liquore in una bottiglia di vetro. Precisiamo che in Brasile si prepara sotto forma di infusioni o decotti della corteccia. I brasiliani l'apprezzano anche macerata nell'alcool. La catuaba é arrivata molto lentamente Europa. Da noi non si trova per il momento che sotto forma di polvere di colore rosso o in capsula. La pianta di catuaba ha un lungo passato in fitoterapia come afrodisiaco sia per l'uomo che per la donna. Le sue qualità notevoli sono illustrate nei canti degli indiani Tupi del Brasile che furono i primi a scoprire le sue proprietà, secoli fa. Le popolazioni indigene ed i locali hanno utilizzato la catuaba da generazioni: in Brasile, la catuaba è considerata come l'unico afrodisiaco la cui efficacia sia stata dimostrata e come un sperimentato trattamento dell'impotenza. Un proverbio dello Stato di Minas dice: “fino all'età di 60 anni, il figlio scende dal padre; oltre, il figlio scende dalla catuaba!„. Secondo il dott. Meira Penna, la catuaba "agisce come stimolante del sistema nervoso, senza uguale per trattare le disfunzioni del sistema genitale maschile". Ricercatori dell'Istituto di Farmacognosia dell'Università di Vienna, in collaborazione con l'Istituto di Chimica e di Tecnologia Farmaceutica dell'Università di Graz e dell'Istituto di Ricerca Biomedica Wolfson di Londra hanno scoperto recentemente che la corteccia della catuaba, già utilizzata nella medicina tradizionale brasiliana, permetterebbe di lottare contro l'impotenza sessuale. Questa scoperta è stata pubblicata nella rivista specializzata “Planta Medica Secondo i ricercatori, gli estratti di catuaba possono essere impiegati favorevolmente contro problemi legati alla sessualità in alternativa al viagra, tuttavia il meccanismo d'azione non é del tutto chiaro. Nel loro studio, i ricercatori hanno comparato estratti di corteccia della pianta con i prodotti che si trovano in commercio attualmente in Austria, in Germania, nei Paesi Bassi, in Inghilterra ed in Brasile. Gli estratti di catuaba avrebbero un meccanismo d'azione sull'organismo molto diverso dal viagra, il celebre medicinale contro l'impotenza il cui principale agente attivo è il sildenafil citrato. Christa Kletter ed il suo gruppo si sono interessati particolarmente agli alcaloidi presenti nella pianta. La catuaba agirebbe come un vasodilatore e questa é la sua prima azione afrodisiaca. É già nota per altre piante l'attività sulla vasodilatazione, questa permette un migliore afflusso di sangue nei corpi cavernosi dell'organo sessuale maschile. La catuaba ha anche altri vantaggi poiché contiene tre alcaloidi chiamati catuabina A, catuabina B e catuabina C che avrebbero tra le loro proprietà quella migliorare la libido agendo direttamente sul sistema nervoso centrale. Studi di laboratorio fatti da Manabe et al. (1992) effettuati su topi, hanno dimostrato che la somministrazione di una soluzione acquosa di catuaba effettivamente protegge dall'infezione letale di Escherichia coli e Staphylococcus aureus. Gli estratti di catuaba hanno inibito significativamente il virus di immunodeficenza umana (HIV). La loro attività anti-HIV è indotta, almeno in parte, tramite l'inibizione dell'assorbimento del virus HIV da parte delle cellule. I dati suggeriscono una potenzialità di un futuro medicinale fatto a partire dagli estratti di catuaba contro l'infezione opportunistica del virus dell'HIV.

Verbena, Foglie.
La Verbena è un rimedio erboristico molto antico ed il suo impiego più popolare è sotto forma di decotto come antispasmodico, febbrifugo, antinfiammatorio e blando tonico. In cosmesi l'infuso può essere usato come decongestionante degli occhi. La verbena è anche utile anche nei disturbi digestivi e per favorire l'attività epatica e coleretica, oltre che aiuta a dare sollievo nei casi di sinusite grazie alla sua azione antinfiammatoria ed astringente. Proprietà depurative, diuretiche, eupeptiche, febbrifughe, antinevralgiche e antireumatiche. Si impiega nei casi di anemia, clorosi, ematuria, idropisia, gotta, reumatismo, febbri e nevralgie in genere. Considerata un efficace afrodisiaco naturale.

Veronica delle Alpi, Sommità.
E' una pianta originaria dell'Europa Centrale, Italia e Asia settentrionale, alta un metro, con foglie dentate ai margini e acuminate di colore verde. I fiori sono azzurro porpora, riuniti in grappoli. Predilige suoli acidi si trova sia nei boschi che nei pascoli, ma è più abbondante nei luoghi erbosi, dove può formare un gradevole tappeto di fiori. Proprietà: sudorifere, amaro-toniche, espettoranti, astringenti. Può avere effetti diuretici e depurativi. La medicina popolare la utilizzava per uso esterno, in caso di disturbi bronchiali, artriti, reumatismi, mal di stomaco, infezioni del cavo orale, eczemi e bruciature. Le sommità della veronica sono toniche, digestive, espettoranti, eccitanti, stomachiche, sudorifere, astringenti, diuretiche, utili nella gotta, nel catarro vescicale, nella renella, nelle malattie della pelle, nell’itterizia. Indicazioni: Bronchite, Artrite, Reumatismi, Mal di stomaco, Infezioni del cavo orale, Eczemi, Bruciature.

Ingredienti
Catuaba, Verbena, Veronica delle Alpi.

Controllo Qualità
Residui ricercati: conforme al D.M. n.179 del 27/08/2004 relativamente ai residui ricercati.
Radioattività: conforme alla direttive CEE.

Modalità di utilizzazione
Portare a bollore la quantità di acqua pari ad una tazza da tè. Spegnere e aggiungere un cucchiaino di tisana. Lasciare in infusione per 10-15 minuti tenendo coperto. Filtrare e bere 1-3 tazze al giorno lontano dai pasti.

Avvertenze
Non superare la dose consigliata.
Non somministrare in gravidanza o in allattamento.
Conservare in un luogo fresco ed asciutto al riparo dalla luce avendo l’avvertenza di chiudere accuratamente la confezione dopo ogni prelevamento di prodotto. Il residuo derivante dall'infusione o dalla decozione con filtro o colino non è edibile.

Tali informazioni non sostituiscono la consulenza medica quindi sconsigliamo vivamente l'automedicazione. Decliniamo ogni responsabilità per eventuali errori o imprecisioni e per un eventuale uso improprio delle informazioni contenute in questo sito. Per ogni disturbo della salute vi consigliamo in ogni caso di consultare un medico e/o uno specialista.